Molto probabilmente è stata fondata nel 4 secolo dai Romani. E sin dal principio della sua esistenza risulta che avesse una economia che si basasse prevalentemente sulle risorse del mare, visto che il suolo roccioso che la caratterizzava offriva molto poco. E forse è anche per questa ragione che Amalfi diventa un importante centro commerciale agli inizi, e la  prima Repubblica marinara d’Italia poi.

In seguito a varie dittature subite dalla piccola cittadina, prima assediata dai Bizantini, poi dai Saraceni, nel 839 fu dichiarato  “ Ducato Amalfitano indipendente “, potendo istituire una propria legislatura, con leggi proprie, e cosa molto importante poter coniare una propria moneta, il Tarì.

Nei due secoli successivi Amalfi divenne città laboriosa e fiorente, tale da predominare in quasi tutto il Mediterraneo, nella commercializzazione di tessuti pregiati, spezie ed avorio e nella lavorazione di questi prodotti, grazie anche agli artigiani del posto che li rendevano, con la loro arte e maestria, oggetti pregiati apprezzati in tutti i paesi vicini e lontani. Essendo la prima e più forte Repubblica marinara d’Italia, era dotata di una imponente flotta navale, e per questo era necessaria l’esistenza di un cantiere navale, altra industria portante della città.
Purtroppo la sete di potere e di ricchezza di artigiani e negozianti, diede luogo a contrasti degli uni contro gli altri, causando disordine e malcontento in tutta la popolazione dando modo a Roberto il Guiscardo, potente e astuto duca Normanno di approfittarne e divenire il cattivo regnante. Da quel momento  Amalfi divenne un campo di battaglia dove i nemici del Guiscardo tentavano di sconfiggerlo. Questi eventi e calamità naturali causarono l’esodo di tutte le famiglie ricche verso Napoli, e molti altri verso l’America. Agli inizi del 19 secolo la Città esce dal periodo buio fino a diventare l’Amalfi che tutto il mondo conosce. Artisti come Richard Wagner , Erik Ibsen e molti altri hanno trovato in Amalfi il luogo capace di stimolare la propria ispirazione, qui  sono stati create Opere come PARSIFAL  e Case di Bambole.

L’Opera di non meno importanza e stata la realizzazione della principale strada di comunicazione che collega Amalfi alle due grandi città di Napoli e Salerno. Strada progettata da Giuseppe Bonaparte e  realizzata  da Gioacchino Murat  e Ferdinando II di Borbone.

La bellezza naturale del posto e lo splendore delle opere d’arte come il Duomo di Pantaleone, che domina la piazza principale del villaggio, sono gli elementi che vi faranno vivere un momento ricco di cultura.

Transfer ad Amalfi

  • Transfer ad Amalfi
  • Transfer ad Amalfi
  • Transfer ad Amalfi

Trasferimento ad Amalfi presso il vostro hotel o presso il luogo di soggiorno con veicoli Mercedes con aria condizionata, effettuati da professionisti esperti del settore tur..

Highly Recommended

Modulo richiesta informazioni


Telefono

+39 348 5262862

Address

via Livio Andronico, Area 24
80122 – Naples
Italy