Tour a Baia Sommersa

  • Tour a Baia Sommersa - 1
  • Tour a Baia Sommersa - 2
  • Tour a Baia Sommersa - 3
La Campania è una terra davvero particolare, perché qui la Natura con una “mano” toglie e con l’altra dà. Infatti l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. è stata, sì, una tragedia ma senza di essa oggi non potremmo ammirare le rovine di Pompei ed avere una “foto istantanea” di una città romana del I sec. d.C.; allo stesso modo il bradisismo, fenomeno tipico dei Campi Flegrei, ha provocato non pochi inconvenienti alle cittadine flegree ma, facendo letteralmente sprofondare in mare una porzione dell’antica città romana di Baia, ha creato una meraviglia unica al mondo: il parco archeologico marino sommerso di Baia. In quale altra parte del mondo è possibile vedere resti romani sul fondo del mare?
Niente paura: per godere questo tesoro archeologico che il mare per secoli ha custodito, non occorre essere esperti sub; grazie a Cymba, la barca dal fondo di vetro, chiunque può ammirare le rovine di Baia sommersa, in tutta sicurezza stando comodamente seduto sul proprio sediolino sul fondo del battello.
Contattate Naples Tour Service ed organizzate la vostra escursione di mezza giornata al bordo di Cymba, la barca dal fondo trasparente. Vi basterà comunicare con un po’ di anticipo il giorno in cui vorreste effettuare l’escursione; al resto (controllo disponibilità, prenotazione, pagamento anticipato del biglietto di 10 euro a persona) penserà Naples Tour Service. Sarete prelevati dal vostro hotel, dal porto o da qualsiasi altro punto e condotti a bordo di comodi minivan climatizzati e dotati di wi-fi attraverso i Campi Flegrei; durante il tragitto il nostro autista sarà a vostra completa disposizioni per eventuali informazioni sui luoghi ed eventuali soste nei punti più belli e suggestivi per scattare foto. Giunti sul caratteristico porticciolo di Baia, vi imbarcherete su Cymba alla volta di punta Epitaffio; qui il personale di bordo vi inviterà ad accomodarvi a turno sui sediolini nella parte bassa del battello, tutta fatta di vetro in modo da potervi permettere di vedere il fondale.
Quali meraviglie si apriranno davanti ai vostri occhi, accuratamente illustrate dall’esperta guida presente a bordo? Ecco a voi una piccola anticipazione.
Il Ninfeo di Claudio, che è l’unico edificio che con certezza si può attribuire alla villa fatta costruire dall’imperatore a Baia. Anche altri Cesari edificarono nella cittadina flegrea residenze o monumenti, i cui resti sono visibili durante la visita guidata, come il “Complesso della Sosandra” attribuito alla villa di Nerone o la sala nota con il nome di “Tempio di Venere” attribuibile ad Adriano o infine il cosiddetto “Tempio di Diana” fatto erigere in onore della madre Giulia dall’imperatore Alessandro Severo.
I resti del canale di ingresso al “lacus Baianus”, un lago citato da alcuni autori latini ma scomparso a causa del bradisismo.
La villa dei Pisoni, una importante e potente famiglia dell’aristocrazia romana del I sec. d. C.. Le spiegazioni della guida vi condurranno attraverso i vari ambienti dell’enorme edificio: visiterete i resti del quartiere termale, del porticato e del ninfeo, noterete le “pilae” a doppia fila che proteggevano dai venti i bacini di approdo della villa, vedrete i resti delle peschiere, cioè vasche utilizzate per l’allevamento del pesce, molto comuni in tutte le villae maritimae. Il nome dei Pisoni è legato ad un importante evento storico dell’età di Nerone, la cosiddetta congiura dei Pisoni: i Pisoni ed altri senatori romani nel 63 d. C. organizzarono una congiura contro il dispotico imperatore Nerone, che però scoprì il piano e punì con la morte tutti i congiurati. La villa passò quindi al demanio imperiale: per volontà di Adriano l’edificio fu ristrutturato e reso simile a “Villa Adriana” a Tivoli. Non vi sentite emozionati al pensiero di visitare la residenza di coloro che osarono sfidare Nerone?
Resti di una villa con ingresso “ a protiro”: si tratta di un edificio che si allunga per circa 120 metri ed è preceduto da una serie di botteghe. Al suo interno si possono distinguere due zone, quella termale e quella residenziale separate da un bacino rettangolare collegato in origine con il mare ed ornato di statue (quelle visibili sul fondo marino sono tutte copie, poiché le originali sono conservate nel museo del Castello di Baia). Sono ancora visibili i pavimenti a mosaico dell’abitazione.
Potremmo continuare con la lista, ma perché svelarvi tutto prima della visita?
Alla fine dell’escursione al bordo del battello Cymba dal fondo di vetro, incontrerete di nuovo sul porto il nostro autista che, se volete, sarà lieto di accompagnarvi al castello aragonese di Baia, dove potrete visitare il museo che raccoglie tutti i reperti rinvenuti nei Campi Flegrei, quindi non solo quelli del Parco Archeologico marino sommerso di Baia, ma anche quelli trovati, per esempio, a Miseno come il famoso “Domiziano Nerva”, una statua che raffigura l’imperatore Nerva a cavallo; in origine però l’imperatore raffigurato non era Nerva, bensì Domiziano. Alla morte di quest’ultimo la stuata fu modificata: la testa di Domiziano fu sostituita con quella di Nerva. Perché? Il Senato aveva decretato per Domiziano la damnatio memoriae, cioè l’oblio della sua memoria a causa del suo comportamento irriverente verso i senatori: il suo nome e la sua faccia doveva scomparire da tutti i monumenti!
Cosa aspettate? Partite con Naples Tour Service alla scoperta dei fondali di Baia (con la barca dal fondo di vetro) e delle altre bellezze flegree.


Filtra per Porto di partenza Escursioni dal Porto di Napoli Escursioni dal Porto di Salerno
Filtra per categoria Escursioni dai porti Servizio Tour privati Tour giornaliero da Napoli Tour giornaliero da Roma Tour a piedi

Condividi questa pagina!

Scrivi una recensione!

Pessimo
Buono

Modulo richiesta informazioni


Telefono

+39 348 5262862

Address

via Livio Andronico, Area 24
80122 – Naples
Italy